Dona il tuo 5 x Mille al GHSG

Clicca su: "Dona il tuo 5 x 1000" per avere tutte le informazioni necessarie.

Don Agostino Cantoni

Don Agostino e il gruppo Handicap S.Giacomo

Negli anni Settanta, per impulso del parroco don Agostino Cantoni, la comunità ha effettuato la scelta preferenziale degli ultimi, cioè mettere al primo posto nell'attività pastorale coloro che sono maggiormente in difficoltà, in sintonia con lo stile di Gesù nel Vangelo. 

Si iniziò con l'accoglienza a tempo pieno di un giovane presso una casa famiglia gestita da volontari che si misero a disposizione. In seguito, si aprì una seconda casa famiglia. 

 Negli anni Ottanta, ebbero inizio le Vacanze di Condivisione estive che coinvolsero una cerchia allargata di persone, come condivisione nel tempo straordinario delle ferie. 

Il GHSG (Gruppo Handicap S.Giacomo) nacque dall'esigenza di proseguire la condivisione continuativamente, nel tempo ordinario animando momenti di incontro e di ricreazione domenicale nel corso dell'anno. 

Il gruppo è iscritto all'albo regionale del volontariato ed è convenzionato con il comune di Crema. Il filo conduttore di tutte queste esperienze è la convinzione che l'handicap non richiede carità o assistenzialismo, ma la disponibilità a mettere in comune parte della propria vita. 

Nasce così uno stile di vita alternativo che trasforma le relazioni in positivo perchè crea legami autentici disinteressati e liberi tra le persone. Insieme, ognuno - che sia disabile o volontario - ha modo di andare oltre i propri limiti fisici, mentali o di cuore. La fede si incarna così nei fatti dove si incontrano alla pari credenti e no. 

Don Agostino Cantoni ha accompagnato ed incoraggiato questo cammino. Nel 2001 è andato in pensione, lasciando la guida di San Giacomo, rimanendo ugualmente presidente del GHSG fin al mese di Aprile 2008, mese della sua morte.


Le cose essenziali sono invisibili agli occhi. Non si vede bene che con il cuore.

Don Agostino Cantoni (1925-2008)

La storia non è solo quella fatta dalle persone celebri e importanti. Ci sono tanti che fanno la storia nel quotidiano, senza emergere, ma con la fedeltà e le scelte delle piccole cose. Uno di questi è Don Agostino Cantoni, un anziano prete di Crema. Filosofo e teologo, ha sempre sostenuto che la fede non deve avere paura del pensiero. È stato un educatore e un trascinatore di giovani nella scuola, nella FUCI, in seminario e in parrocchia. La primavera del Concilio Vaticano II è arrivata nella diocesi di Crema anche grazie a lui, anticonformista e innovativo, ma senza mai staccarsi dalle radici della fede e della Chiesa. E' Soprattutto un grande amico dei poveri. Da parroco ha dato vita a iniziative di condivisione, in special modo nei confronti dei portatori di handicap e che proseguono ancora oggi dopo decenni. È stato spesso in anticipo sui tempi e tante sue intuizione, ancora attuali, non sono state valorizzata come meritavano. Don Agostina esorta sempre a pensare con la propria testa e a non cercare capi carismatici. La sua è una spiritualità nuda ed essenziale. Le sue omelie sono dei capolavori di sintesi che vanno al cuore della fede e parlano con la forza della convinzione e delle immagini.

Don Agostino - Palus



"Chi avrà occhi per vedere troverà sulla propria strada, tramite voi, il Signore: dategli volto e cuore"

Don Agostino - Jesolo



"Se qualcuno fa fatica, stategli accanto fraternamente. Prima che per voi stessi, abbiate occhi per gli altri. Chi ha talenti di fantasia e di buon umore li metta a disposizione di tutti: i momenti di gioia insieme sono importanti."